La Fnsi parte civile nel processo contro presunti aggressori di Federica Angeli

Federica Angeli

  La Federazione nazionale della stampa italiana si costituirà parte civile al fianco della giornalista Federica Angeli nel processo contro gli esponenti del clan Spada di Ostia accusati di aver rivolto minacce di morte alla collega di Repubblica mentre era al lavoro per documentare e denunciare il malaffare nel litorale romano. La costituzione di parte civile …

Jobs act, Lorusso (Lorusso): “I voucher del giornalismo si chiamano Co.Co.Co.”

Raffaele Lorusso

«Non serve un maquillage al Jobs act per evitare il referendum. È auspicabile che il governo intervenga in profondità e con decisione per cancellare tutte le forme di lavoro atipico che forniscono un quadro di legalità a situazioni di sfruttamento e precarietà dilagante». All’indomani della decisione della Consulta sull’ammissibilità dei quesiti referendari sul Jobs act, …

Rai, Fnsi e Usigrai: “All’azienda non serve una riforma frettolosa. È a rischio il futuro del Servizio pubblico”

collage-usigrai-fnsi

«La Rai non ha bisogno di piani di riforma buttati giù di fretta». Fnsi e Usigrai rispondono così alle ultime esternazioni dei dirigenti dell’azienda concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo e spiegano: «In questi 18 mesi, il vertice ha prodotto fallimenti tv, ignorato la radio, azzerato l’informazione sul web, violato regole facendosi sanzionare da Autorità e …

Querele temerarie e diffamazione: via libera dal ministro Orlando a un tavolo di confronto

tribunale

Un tavolo di confronto per approfondire i temi relativi alle querele temerarie e alla diffamazione, alla tutela dei cronisti minacciati e al contrasto del linguaggio dell’odio e della violenza. Lo ha annunciato il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, accogliendo la richiesta avanzata dalla Fnsi, in diverse occasioni, da ultimo l’iniziativa pubblica promossa davanti al Senato qualche …

Querele temerarie e carcere per i giornalisti, Fnsi: “Governo e Parlamento sblocchino le norme ferme in Senato”

Fnsi querele

La Federazione nazionale della stampa italiana, con il segretario generale Raffaele Lorusso e il presidente Giuseppe Giulietti, che hanno partecipato al seminario “Una legge per fermare le querele temerarie” organizzato dall’associazione Articolo21, ha confermato la decisione di chiedere al governo e al Parlamento di procedere, nei modi e nelle forme che riterranno, non solo all’approvazione …

Una legge per fermare le querele temerarie, domani seminario in Fnsi

No bavaglio

Domani, mercoledì 14 dicembre, dalle 9.30 alle 14, la sala Walter Tobagi della Fnsi ospita il seminario-incontro dal titolo “Una legge per fermare le querele temerarie”: un’occasione di confronto tra giuristi, giornalisti, politici, rappresentanti della categoria e delle principali associazioni per la libertà di stampa sul delicato tema dell’abuso del ricorso alla giustizia come strumento …

Querele temerarie, nuova archiviazione per Federica Angeli. Fnsi: “Il Parlamento intervenga”

Federica Angeli

Per la novantaquattresima volta i giudici hanno disposto l’archiviazione dell’ennesima querela presentata contro la collega Federica Angeli, cronista di Repubblica che vive sotto scorta perché minacciata dalla malavita e da sempre in prima linea nella denuncia del malaffare. «Oltre alla soddisfazione per la decisione della magistratura – commentano Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale …

“Bufale”, Lorusso (Fnsi): “Elemento di disonore per il giornalismo”

Raffaele Lorusso

“Le bufale e la pubblicazione di notizie false sono un elemento di disonore del giornalismo e non possono essere considerate un elemento costitutivo della professione”. Lo ha detto Raffaele Lorusso, segretario generale della Fnsi, nel corso del convegno su ‘Giornalismo e bufale’, questa mattina alla Camera dei deputati. “Chi, come la Fnsi, si batte contro …

Rai, Fnsi e Usigrai: “Azienda vittima di chi non vuole il cambiamento”

Rai

“La Rai è sempre più vittima di chi, ai piani alti dell’azienda, vuole impedire qualsiasi forma di cambiamento. Rendere noto il contenuto di un ipotetico piano editoriale prima ancora che venga discusso risponde ad una sola esigenza: quella di salvaguardare lo status quo e di garantire che la Rai Servizio Pubblico radiotelevisivo resti controllabile dalla …