cassazione

I giornalisti sono “attualmente oggetto di gravi ed ingiustificati attacchi da parte anche di movimenti politici proprio al fine di limitare la loro insostituibile funzione informativa”.
E’ uno dei passaggi chiave di una sentenza della cassazione che invita a non infliggere il carcere nel caso di condanne per diffamazione.
Il carcere, dicono i Supremi giudici, può essere previsto solo in presenza di “circostanze eccezionali”, perché in caso contrario non viene assicurato ai giornalisti il ruolo di “cane da guardia”.
I giudici ricordano che la Corte europea dei diritti dell’uomo, in base alla convenzione sulla libertà di espressione, esige “la ricorrenza di circostanze eccezionali per l’irrogazione, in caso di diffamazione”, della condanna al carcere “sia pure condizionalmente sospesa”.
La Cassazione ha annullato con rinvio alla Corte di appello di Brescia, solo per la sanzione, la condanna al carcere nei confronti del direttore e di un giornalista de “La Voce di Romagna”.
La Suprema Corte si spinge oltre e scrive che i giornalisti sono “attualmente oggetto di gravi ed ingiustificati attacchi da parte anche di movimenti politici proprio al fine di limitare la loro insostituibile funzione informativa” che è quella di comunicare informazioni su “questioni di interesse generale e conseguentemente di assicurare il diritto del pubblico di riceverle”.

13 marzo -

http://odg.it/content/la-cassazione-no-al-carcere-i-giornalisti

1.874 visite

Leave a Comment