Raffaele Lorusso

Rispondendo alle sollecitazioni di alcuni giornalisti pensionati, preoccupati per le voci sulla imminente manovra di riequilibrio dei conti dell’Inpgi, Lorusso ha sottolineato che “non c’è alcuna preoccupazione sulla capacità finanziaria dell’istituto di continuare ad erogare le prestazioni pensionistiche, ma questa capacità va assicurata anche per il futuro correggendo, da una parte, gli squilibri provocati nel sistema dagli effetti della lunga crisi economica e, dall’altra, ponendo come prioritaria la adozione di strumenti per la ripresa dell’occupazione”.
La nuova occupazione è del resto il punto cruciale del programma di lavoro del segretario Lorusso, un’occupazione che deve essere di qualità ed inclusiva.
“La creazione di nuovi posti di lavoro e l’allargamento del perimetro contrattuale a quella platea di giornalisti che è di fatto nella professione senza vedersi però riconoscere alcuna forma di tutela previdenziale e di garanzia – ha aggiunto infatti Lorusso – sono i principali presupposti per la tenuta del sistema pensionistico e del welfare della categoria”.
“Su questo sarà necessario un confronto serrato con gli editori e con il governo, partendo – ha concluso il segretario dalla Fnsi – dalla constatazione che la professione è profondamente cambiata e che il futuro del giornalismo professionale è nella innovazione dei prodotti editoriali, dei processi produttivi e nella formazione continua dei giornalisti”.

Fonte: Fnsi

1.151 visite