esame

Il Consiglio dell’Ordine dei giornalisti del Lazio, riunitosi il 15 aprile, a proposito della formazione obbligatoria ha espresso all’unanimità il seguente ordine del giorno. Preso atto del diffuso disorientamento della maggioranza dei colleghi nel comprendere le linee guida e i criteri applicativi della riforma che impone l’obbligo della formazione per i giornalisti. Di fronte ai molti nodi ancora irrisolti della normativa. Il Consiglio dell’Ordine del Lazio esprime una vibrata critica sulla riforma che rischia di essere subita dai colleghi come una misura vessatoria, o una perdita di tempo, piuttosto che come uno strumento per elevare il livello del proprio aggiornamento professionale. Grave poi rimane il fatto che le aziende editoriali e il sindacato dei giornalisti siano rimasti fuori dalla porta di questa formazione, rendendo il percorso ancora più ad ostacoli. Perché, almeno per i giornalisti professionisti in attività, non debbono essere i giornali a provvedere alla formazione? E perché per poter partecipare ai corsi bisogna usufruire delle ferie, e non sono previsti permessi ad hoc?

Questi sono solo alcuni dei dubbi sul tappeto. Consapevoli degli obblighi istituzionali sulla formazione, il Consiglio del Lazio  sollecita il Nazionale a considerare questi rilievi, avvertiti dalla categoria e dei quali ci facciamo interpreti. Una cattiva organizzazione potrebbe consentire, al di la delle buone intenzioni, che dietro la macchina della formazione obbligatoria possano nascondersi insidie che danneggiano la professione.

11.307 visite
Discussion - One Comment
  1. Laura Falcinelli

    apr 15, 2014  at 13:55

    L’art. 2, lettera c, del Regolamento sulla Formazione professionale continua parla di “giornalisti in attività, iscritti da più di 3 anni”. Sembrerebbe pertanto che dalla formazione obbligatoria siano esclusi i pensionati.

Leave a Comment