5cc20aa02400003200230fe9

Per il presidente emerito della Corte Costituzionale Giovanni Maria Flick “l’esercizio del diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero, sotto lo specifico del diritto di informare gli altri e di essere informati, è essenziale per garantire l’eguaglianza di tutti e la diversità di ciascuno. L’ostacolo o l’impedimento all’esercizio di quel diritto – ha affermato Flick -, ancora più quando sia svolto in modo professionale, con la cronaca e la critica, è un grave attentato alla democrazia. E’ intollerabile quando quell’attentato si manifesti contro il singolo protagonista dell’informazione, come il giornalista Stefano Origone che è stato ‘manganellato’ ripetutamente a Genova qualche giorno fa mentre svolgeva il suo lavoro”. Flick ne ha parlato intervenendo all’assemblea organizzata a Genova dalla Camera del Lavoro su ‘Lavoro, democrazia, antifascismo’. Si è trattato di “un episodio di duplice estrema gravità: verso il lavoratore dell’informazione e verso la dignità e l’incolumità della persona, di qualsiasi persona”, ha aggiunto Flick. “Ma è intollerabile anche quando quell’attentato si manifesti contro un organismo al servizio dell’informazione” come Radio Radicale “di cui appare prossima la chiusura immotivata”.

Fonte: Ansa.

136 visite