PHOTO-2020-07-16-09-36-49

Si è aperta con la solidarietà ai collaboratori del Messaggero e delle altre testate impegnate nella difesa della dignità professionale l’assemblea di bilancio dell’Ordine dei giornalisti del Lazio convocata oggi nella Sala della Protomoteca in Campidoglio che ha approvato all’unanimità il bilancio consuntivo 2019 e preventivo del 2020.
In apertura dei lavori la presidente Paola Spadari ha sottolineato, tra l’altro, il perdurare dello stato di crisi dell’editoria. ”Siamo in presenza di una crisi senza precedenti aggravata dall’emergenza del Covid 19 – ha detto – che non può più essere affrontata con misure emergenziali. Non bastano né il ripianamento dei rossi di bilancio ricorrendo a prepensionamenti, che oltretutto stanno dissanguando le casse del nostro ente previdenziale, né misure di sostegno utili, ma temporanee. La proposta di corrispondere sette euro al pezzo avanzata ai collaboratori della principale testata giornalistica romana non è solo inaccettabile per la sopravvivenza dell’oggi, ma pregiudica il futuro della nostra professione”. ”Insieme a tutti gli organismi di categoria – ha aggiunto – dobbiamo rinnovare alle istituzioni la richiesta della messa in campo di misure strutturali che rilancino un settore cruciale per il Paese, che tutelino i giornalisti e con loro l’informazione libera”.
”Ci vogliono assunzioni nel digitale che rappresenta la nuova frontiera e agevolazioni per le aziende editoriali. Serve in sintesi – ha proseguito – una strategia di sistema che, partendo da riforme necessarie e ineludibili, compresa quella del completamento della riforma dell’Ordine dei giornalisti, avvii il rilancio di un settore vitale per la vita pubblica e la tenuta delle istituzioni democratiche”.
I principali dati di bilancio sono stati illustrati dal tesoriere Marco Conti che ha ricordato l’acquisto dall’Inpgi della sede di Piazza della Torretta. Il consuntivo 2019 si è chiuso con un avanzo di circa novemila euro. E’ proseguita la spending review. La quota di iscrizione annuale è rimasta invariata, come da circa 20 anni. La Pec da quest’anno è gratuita per tutti gli iscritti e, riferendosi al nuovo decreto semplificazione in corso di approvazione, ha riferito che per coloro che ne risultino sprovvisti è prevista la sospensione dall’albo.
Il presidente dei revisori dei conti Claudio Marincola ha sottolineato l’orgoglio di aver accompagnato in un percorso di ”totale trasparenza” l’acquisto della sede storica dell’Odg Lazio. “Vorremmo che l’Ordine diventi la casa di tutti i giornalisti del Lazio e venga percepito sempre più come un organo di tutela per la qualità dell’informazione”.
La presidente ha quindi portato il saluto del presidente del Consiglio territoriale di disciplina Roberto Mostarda che ha redatto la relazione dell’attività svolta dai tre collegi disciplinari.

Il pdf dei dati del bilancio

252 visite