Il Sole 24 Ore

Dal 1° febbraio possibili altri due anni di stato di crisi (e fanno 8 in totale) a “Il Sole 24 Ore”. L’assemblea di redazione di lunedì 25 ha approvato dopo 5 ore di dibattito il piano (di 17 pagine) illustrato dal cdr. Nel piano figura anche il lavoro da remoto. Ieri si è svolto il referendum, che ha dato via libera al piano con 129 si, 55 no, due schede bianche e una nulla. Quest’anno la Cigs scatterà per 4 giorni, uno ogni 3 mesi. A fine 2016 le parti valuteranno lo stato di salute dell’azienda: potrebbero  esserci altri giorni di Cigs (12?). Se la situazione economica dovesse dare segnali rassicuranti, potrebbe essere archiviato il ricorso alla Cigs. Questi eventi sono stati preceduti da una assemblea di redazione svoltasi il 13 gennaio, che ha dato l’ok alla continuazione dello stato di crisi con 143 sì e 49 no. Giovedì 28 Fieg, Fnsi e Cdr parteciperanno a una riunione al Ministero del Lavoro, dove verrà affrontato il problema di 28 prepensionamenti. Il problema è la disponibilità di fondi governativi.

898 visite